questo blog è il mio angolo creativo dove posso mostrare tutto ciò che la mia mente pensa e decide di creare in allegria e serenità e condividere con altri le mie passioni....decoupage ...pasta di mais...cucito.... chiacchierino..... tombolo



martedì 4 aprile 2017

AMO LEGGERE : L'IPOTESI DEL MALE



sapete che amo tanto leggere , 
in special modo i gialli e i thriller e in questo genere è maestro Donato Carrisi. 

Da poco ho terminato di leggere " l'ipotesi del male "...IMPERDIBILE 





 L'IPOTESI DEL MALE

A chi non è mai venuto in mente di sparire, abbandonare tutto e cercare di ricominciare daccapo, lontano, per migliorare quello che nel nostro quotidiano non ci soddisfa ma poi si sa il pensiero svanisce in fretta;  
invece non è così per qualcuno che magari non riesce proprio ad accettare la propria vita ed è così  insofferente da voler mettere in atto davvero la sua scomparsa.
Il libro  parla proprio di queste persone così insofferenti e tristi che alla fine decidono di sparire per davvero da un giorno all’altro e vengono inghiottiti dal nulla.
Come spesso accade, gli scomparsi vengono presto dimenticati ma c'è anche chi non si arrende, chi non vuole che queste persone finiscano per sempre nell'oblio: Mila Vasquez, la migliore nella ricerca delle persone scomparse. 
Sono passati sette anni dalle vicende raccontate ne Il Suggeritore e ora Mila ha deciso volontariamente, di "esiliarsi" nel Limbo, ovvero la sezione persone scomparse, quella con la "Stanza dei passi perduti" dalle cui pareti, tappezzate dalle foto di chi è svanito, centinaia di occhi la fissano muti. 
Mila non può abbandonarli, deve continuare a cercarli tra la folla e ovunque e questa ricerca non la abbandona mai anche quando non è in servizio poichè essi  non possono essere dichiarati morti fin quando non si trova  il loro corpo ma neanche sono vivi perché di essi non si sa più nulla ...
sono allora nel Limbo .
Ma qualcosa di strano succede quando incominciano a ricomparire  dalle tenebre che li hanno inghiottiti, uomini e donne che tornano non per riabbracciare i loro cari o per riprendersi la propria vita, ma per uccidere. 

continua a leggere 

 
Mila,viene chiamata a collaborare ad un caso di omicidio, aiutata da uno strano detective Simon Berish , esperto in interrogatori ,un personaggio problematico e per questo affine a Mila.
L’assassino ha ucciso lentamente un'intera famiglia risparmiando solo il figlio più piccolo;l’indiziato principale è un uomo sparito nel nulla 17 anni prima e la notte dell’omicidio indossava lo stesso vestito con cui era scomparso.
Questo è solo il primo di una catena di omicidi.
Gli indizi collegano gli omicidi a persone scomparse da anni, esseri del Limbo che si stanno gradualmente risvegliando dal buio, spinti da una forza oscura;
In una città senza nome che potrebbe essere ovunque il Male è tornato...lo chiamano il Signore della Buonanotte ed è un incantatore di anime che ha trascinato nel buio ed ora sta risvegliando la sua armata.
Qual è il suo progetto ? Cosa muove e accomuna queste persone scomparse?
Il burattinaio che tira i fili di tutte le azioni non si sporca le mani con il sangue, togliendo la vita alla propria vittima ma si serve della persuasione per entrare nella mente delle persone e le convince ad uccidere al suo posto.
Rimodella la psiche di individui fragili, deboli, ed insinua nei loro pensieri l’idea che massacrare sia lo scopo ultimo della loro esistenza.
 La legge non riesce a fermarlo... è sempre un passo avanti rispetto alla polizia e conosce ogni intimo segreto di chi ha deciso di colpire.
Il serrato susseguirsi degli eventi ci porta a capire che nella lotta fra Bene e Male nulla è definitivo... sono elementi opposti, ma capaci di mescolarsi fino a rendere complicato distinguerli a causa del labile confine che c' è , ovvero l'ipotesi del male, la teoria che dal bene si può generare del male e viceversa.
Si può agire in nome del Bene macchiandosi di orribili delitti e pensando di agire rettamente, compiere azioni che avranno atroci conseguenze?
E in questo percorso di dualità Mila si trova ad interrogarsi sul buio che l’ha sfiorata a causa delle vicende vissute nel " Il Suggeritore ".
  “E’ dal buio che provengo. E’ nel buio che devo ritornare"   è il pensiero che sconvolge anche Mila quando prova ad interrogarsi sulle ferite profonde che nasconde nel suo animo e  che teme possano tornare a travolgerla per sempre, riportandola nel buio da dove  aveva cercato di scappare confinandosi nel limbo, ma la sua nuova condizione di vita … esser madre di una bimba nata dal rapporto difficile vissuto durante le indagini del " Suggeritore " la costringe a combattere il male che la vuole ghermire di nuovo e la porterà finalmnte a scoprire l'identità del burattinaio.













Nessun commento:

Posta un commento